Museo archeologico di Peccioli
???.icon?????????

Museo archeologico di Peccioli

Alla scoperta dei reperti rinvenuti nel sito archeologico etrusco di Ortaglia

Peccioli

Il museo ha sede nel piano seminterrato del Palazzo Fondi Rustici, uno degli edifici più importanti del centro storico di Peccioli. Il palazzo è di proprietà della Società Agricola Fondi Rustici che lo ha acquistato dalla Fondazione Gerolamo Gaslini di Genova, proprietaria dal 1622. Prima di tale data apparteneva al Regio Spedale di Santa Chiara di Pisa.

Inaugurato nel maggio 2004, ha presentato un nuovo allestimento nel settembre del 2007. Ospita i reperti rinvenuti durante alcune campagne di scavi, organizzate dal Comune di Peccioli in collaborazione con l'Università degli Studi di Ferrara, e dirette dal prof. Stefano Bruni, nel sito archeologico etrusco di Oreglia, a pochi chilometri da Peccioli.

Nel sito archeologico etrusco di Ortaglia è stato rinvenuto un pozzo, da cui sono venuti alla luce oggetti votivi (molti ex-voto) e parti di una costruzione, che per le loro dimensioni e decorazioni, fanno pensare a un tempio. La presenza di molti oggetti votici tipici del lavoro femminile, come i pesi del telaio e i rocchetti per il filo, fa pensare che il santuario fosse dedicato ad una divinità femminilie. I reperti si presentavano in frammenti, perché che la struttura era collassata, probabilmente nel IV sec. a.C., in seguito ad un incendio. La parte alta del pozzo, in seguito ad erosione, era poi franata, facendo cadere i reperti da un'altezza di circa cinque metri.

 


Orario:

Invernale: mercoledì ore 15-19; sabato, domenica e festivi 10-13 e 15-19.
Estivo: mercoledì ore 16-20; sabato, domeninica e festivi ore 10-13 e 16-20.


Prezzo:
gratuito


Accesso handicap:
Si

Contatti:

Piazza del Carmine 33
PECCIOLI (PISA)
Telefono: 0587 672158
E-mail: info@fondarte.peccioli.net
http://www.fondarte.peccioli.net/

Peccioli
Una meta adatta a tutta la famiglia
Peccioli si staglia sulle colline con l’inconfondibile campanile della Pieve di San Verano (sec. XI), opera dell’architetto Bellincioni, con all'interno opere pregevoli di scuola pisana. Il vicino Palazzo Pretorio, sulla cui facciata spiccano gli stemmi dei podestà, ospita il Museo delle Icone Russe, dedicato al giornalista Francesco Bigazzi, corrispondente da Mosca, che donò al Comune di ...
Approfondiscikeyboard_backspace