Le torri di Popiglio
location_cityArchitetture

Le torri di Popiglio

Su una vetta dell'Abetone dominano ancora due possenti torri.

Abetone
La zone dell’alta valle del fiume Lima, apparteneva ai conti Guidi di Modigliana che possedevano i castelli di Popiglio e Piteglio. In seguito l'area fu assoggettata al potere della vicina Pistoia e i due castelli ebbero un unico Podestà, il borgo così entra a far parte dei territori della Repubblica Fiorentina.

Non ci sono più tracce delle fortificazioni e delle cinte murarie del borgo, ma sulla cima della montagna svettano due possenti torri, le quali facevano parte del sistema difensivo della valle.

Le 'Torri di Popiglio' hanno entrambe forma quadrata, distano poco l’una dall’altra e  sorgono a altezze diverse. La prima torre, si eleva oggi per circa il cinquanta percento della sua altezza originaria. Ha ancora i resti della cinta muraria di forma elittica che un tempo la circondava. Molto probabilmente all'interno sorgevano altri edifici, I resti della costruzione addossata la lato nord est fanno pensare che sorgessero all’interno altri edifici, ed era sicuramente sede del centro di comando del sistema difensivo.L'altra doveva fungere da collegamento intermedio fra il paese e il vertice delle fortilizio.

Abetone
La meta ideale per vacanze tra sport e natura
Il territorio di Abetone, noto comunemente come “L’Abetone”, è al centro di quella che può essere considerata la più celebre stazione sciistica dell’Appennino tosco-emiliano, e il Passo a cui il centro deve il nome (quello dell’Abetone, posto a quota 1388 metri), deve la sua fama alle cime che gli fanno corona. ...
Approfondiscikeyboard_backspace