strega1
insert_emoticonIntrattenimento e divertimento

La notte delle streghe

Ogni 13 agosto si rievoca una misteriosa vicenda

Marradi
Era il lontano 1358 quando il grande condottiero Corrado Wirtinger Conte di Landau, per raggiungere le terre di Toscana, a capo di un esercito di spietati mercenari, si fermò nella vallata di Marradi, prima di prendere la strada delle Scalelle, scavata tra dirupi e fitti boschi, risalire il fosso di Campigno ed arrivare in vetta al passo. Durante la notte, da un accampamenti dei mercenari, uscì un malefico personaggio, noto come "Il Cavaliere Oscuro", un "senza nome" che incurante dell'ospitalità offerta dai valligiani, portò a termine il suo progetto di depredare, torturare e uccidere ignari ed innocenti valligiani. Il mattino seguente, l'esercito del Conte di Landau, avrebbe ripreso il suo cammino lasciando dietro di se una scia di sangue e di teste tagliate, opera appunto del Cavaliere Oscuro.
Gli abitanti della val di Lamone, di Biforco e di Castiglione organizzarono un agguato ai mercenari in marcia, assalendoli a colpi di pietra e da tronchi d'albero gettati dall'alto dei monti, sconfiggendoli. Fu così che cercarono il Cavaliere oscuro per mettere in atto la loro vendetta. Lo catturarono, lo portarono sotto il castagno più vecchio della vallata e lì, dopo averlo decapitato, fu seppellito. Purtroppo, questo funesto personaggio era il padre di una donna, anch'essa in preda al maligno e dedita alla stregoneria, che subito sentì la morte violenta del padre. La sua rabbia e la sua sete di vendetta fu inarrestabile, tanto che chiamò a se tutte le forze del male.
Unirono le loro energie e insieme riuscirono a far riprendere vita allo spettro del padre, il quale ritorna nella valle e semina terrore su tutta la gente tagliando teste a destra e a manca, soddisfacendo così, la sua sete di vendetta. A loro difesa, gli abitanti dei villaggi, chiamarono in loro aiuto, la potentissima Fata dei Boschi, che in se racchiude i quattro elementi Aria, Fuoco, Terra, Acqua. Dopo un furioso combattimento, sconfigge il Cavaliere Oscuro, e cattura la strega, figlia del cavaliere e che aveva ordito il sunesto sortilegio. Fu condotta in catene sulle rive del fiume Lamone dove ad attenderla c'era un'enorme pira, pronta per essere accesa e liberarsi definitivamente della strega e con lei, tutte le forze del male. Tutta la vallata riprese la sua vita di sempre, festeggiando con balli e canti in compagnia della loro paladina, la Fata dei Boschi.

Per informazioni:
http://www.pro-marradi.it/


Marradi
Il sorprendente Luogo natale del poeta Dino Campana
Marradi è da sempre snodo di confine e di passaggio, dotato – per la particolarità della sua posizione – di caratteristiche di fatto uniche per quello che è un paese montano di Toscana. Pur essendo ancora in provincia di Firenze infatti Marradi guarda da sempre alla Romagna, non a caso l’abitato è attraversato dalle acque del fiume Lamone, che sfocia a Ravenna. ...
Approfondiscikeyboard_backspace