Giostra dell'Orso
person_pin_circleVisite

La Giostra dell’Orso di Pistoia

Un salto indietro nel tempo nell’epoca medievale

Pistoia
Apputamento tutti i 25 luglio con la Giostra dell'Orso nel ricco calendario del Luglio Pistoiese. Una manifestazione dalla lunga tradizione per farvi vivere Pistoia tra tutte le sue bellezze medievali.

La storia
- La Giostra dell'Orso è una riedizione moderna dell'antica "corsa del palio" documentata fin dalla prima metà del sec. Xlll, la quale si svolgeva il 25 luglio, per la festa di S. Jacopo, patrono di Pistoia. La corsa era di tale importanza per i cittadini che durante i secoli non veniva interrotta se non in casi eccezionali, come guerre, epidemie o lotte politiche interne. Anche se il suo percorso e le sue regole subirono molti mutamenti, continuò fino allo scoppio della I guerra mondiale; ripresa come Giostra dell'Orso nel 1947, fu da allora gareggiata nella suggestiva piazza del Duomo; nuovamente interrotta nel 1957, tornò ad essere disputata dal 1975.

Il corteo - La sfilata è composta dai gonfaloni della montagna e della pianura, nonché dalle bandiere delle arti maggiori e minori della città e dei quattro rioni. Ogni rione è rappresentato, come nei tempi antichi, da tre compagnie, ciascuna di esse con un capitano, una bandiera, un cavaliere, un trombettiere, un buon numero di alabardieri, i capitani dei rioni, con gonfaloni e valletti: una suggestiva sfilata di circa 300 persone nei loro caratteristici costumi medievali che si snoda lungo le vie del centro storico fino alla piazza del Duomo.

La Giostra - La gara viene disputata fra dodici cavalieri, tre per ciascuno dei quattro rioni che prendono il nome dalle porte della città ed hanno come simbolo il Leone, il Cervo, il Drago e il Grifone. Annunciati solennemente dai trombettieri e da un rullo di tamburi, i dodici cavalieri entrano nella piazza seguiti dal pittoresco corteo e, salutate le Autorità ed i rappresentanti di ciascun rione, prendono posto sotto l'arcata del Palazzo Comunale. Un araldo legge le norme che regolano il torneo, dopodiché la Giostra ha inizio. I cavalieri, due a due, le lance abbassate, percorrono al galoppo l'apposito tracciato, creato lungo il perimetro della piazza, fino a raggiungere le figure di due orsi stilizzati che costituiscono il bersaglio da colpire, per il quale vengono di volta in volta assegnati particolari punteggi. Al termine viene proclamato il rione vincitore. mentre il cavaliere che individualmente ha con seguito il maggior punteggio ottiene il titolo di "Cavalier speron d'oro di Pistoia e contado".  
Pistoia
Ai piedi dell’Appennino tra storia, natura, musica e folklore
Seducente città di antichissima fondazione, Pistoia è un posto che stupirà gli amanti dell’arte e delle tradizioni. Poeti e scrittori hanno esaltato il fascino di quella che hanno ribattezzato “città di pietra incantata” e “città dalle larghe strade e dalle belle chiese”, e in effetti il centro offre al visitatore la possibilità di addentrarsi in un percorso ricco di chiese, chiostri, palazzi ...
Approfondiscikeyboard_backspace