brunelleschi firenze
location_cityArchitetture

La Firenze del Brunelleschi

Fu architetto, aritmetico e eccellente geometrico, scultore e pittore

Firenze

I suoi interventi si inseriscono in un contesto urbano - quello medievale arnolfiano - ormai definito nelle sue misure fondamentali. La città era già fissata nei suoi limiti perimetrali massimi: una cupola era già prevista da Arnolfo, le ricostruzioni di S.Lorenzo e S.Spirito possono essere lette come versioni "moderne" delle moli chiesastiche medievali, piazza SS. Annunziata come un chiostro fatto piazza, il Palagio di Parte Guelfa esisteva già in loco.
Ma nell' opera brunelleschiana ci sono una forza di invenzione e una novità di visione tali che Firenze, pur essendo ancora in sostanza medievale, si proporrà sempre, dopo il Quattrocento, e si può dire fino ad oggi, come città "rinascimentale", a cominciare dagli umanisti che la potranno citare come esempio di città ideale. I
n tal senso la moltiplicazione in diverse epoche del modello brunelleschiano di palazzo Pitti, l'ampliamento del palazzo Medici, il raddoppio speculare del Loggiato degli Innocenti, l'interpretazione di Michelangelo e di altri del modulo cubico della Sacrestia Vecchia di S. Lorenzo, sono tutti episodi assai significativi.
Notizie, anche se non abbondanti, ci consentono di riconoscere Brunelleschi come uomo "universale". Fu "architetto, aritmetico e eccellente geometrico, scultore e pittore" (A. Manetti), inventore di macchine varie per l'edilizia (valendosi anche della sua esperienza di oreficeria, in particolare di orologi a ingranaggi multipli mossi da contrappesi), ingegnere militare, navale e idraulico, ideatore di spettacoli e di strumenti musicali, studioso della struttura della Commedia di Dante, anche come momento di affermazione decisiva nella storia di una autocoscienza. Ed è da sottolineare che la formazione del Brunelleschi, come quella di Masaccio, Donatello, Ghiberti, si colloca nel clima straordinariamente ricco di fermenti culturali della Firenze della prima generazione rinascimentale di Coluccio Salutati, Leonardo Bruni, Poggio Bracciolini: "Era la città di Firenze in quello tempo /... / in felicissimo istato, copiosissima d'uomini singulari in ogni facoltà" (Vespasiano da Bisticci).
La scultura, arte dalla quale Brunelleschi è partito e di cui conosce a fondo le possibilità, sarà esclusa dalla sua architettura o decisamente limitata entro linee architettoniche. E, d'altra parte, la forza e il significato di membrature, cornici, ecc. rivela a pieno la sua capacità di scultore. Tra 1420 e 1446, quindi in un tempo tutto sommato molto breve, Brunelleschi, partendo dall'esperienza e dall'intelligenza dell'architettura classica romana e dell'architettura medievale romanica e gotica, e attraverso la personale soluzione della prospettiva come conoscenza "per comparatione" CL. B. Alberti), realizza da solo la nuova architettura, impresa la cui portata storica tanto più impressiona se si tiene conto che ben pochi degli edifici da lui progettati e iniziati poterono essere portati a buon punto e a compimento prima della sua morte. Nodale nella formazione di Brunelleschi è la riscoperta dell'architettura antica classica non soltanto attraverso le tracce abbondanti che di essa permangono in tutta la tradizione medievale fiorentina, ma anche attraverso una conoscenza diretta. Secondo Manetti, recatosi a Roma per studiare le sculture antiche "vide el modo del murare degli antichi e le loro simmetrie, e parvegli conoscere un certo ordine di membri e d'ossa molto evidente /... / sì ne' regimenti e fortezze / statica / dello edificio /.../ come negli ornamenti". Con Donatello, disegnò, rilevò, raccolse appunti cifrati (il segreto era tradizione dei maestri medievali). Delle colonne "col suo vedere sottile conobbe bene la distinzione di ciascuna spezie, come furono lonice, Dorice, Toscane, Corinte e Attice e le usò a tempi ed a luoghi della maggior parte, dove gli pareva meglio, come ancora si può vedere negli edifici suoi".
(Articolo a cura dell' APT di Firenze)

 

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace