Il castello di Lucignano
location_cityArchitetture

Il castello di Lucignano

Al castello di Lucignano conduce una via di origine romana che, partendo da Montespertoli, corre sul crinale ai cui piedi scorrono la Pesa e il Virginio

Montespertoli
L'origine del nome di questa località - forse dalla gens Licinia - la toponomastica delle varie parrocchie e infine il rinvenimento di resti etruschi e romani nella zona di San Quirico confermano l'antichità di questo luogo, ricordato in documenti cartacei fin dal secolo XI.

Del periodo medievale, epoca in cui ebbe maggior rilievo, non restano che gli avanzi delle torri antiche del castello, un tempo feudo degli Alberti, che fece poi parte della Lega contro l'imperatore.
Coinvolti nelle battaglie tra guelfi e ghibellini, alcuni cittadini di Lucignano furono fatti prigionieri nella battaglia di Altopascio; nel 1369 il castello fu occupato insieme a quello di Poppiano da Giovanni Acuto che aveva il suo campo a Montespertoli.
Il patronato della chiesa, probabilmente edificata sulle rovine del castello intorno al Mille e già propria nel 1928, era dei Buondelmonti come testimonia la lapide del 1571 posta a destra della porta d'ingresso.
Testimonianza dell'antichità della chiesa è il romanico fonte battesimale, esemplare rarissimo per l'epoca soprattutto in chiese suffraganee.
Sull'altare della parete sinistra si trova un affresco rappresentante l'Annunciazione, libera interpretazione dell'Annunciazione di Cenni di Francesco della chiesa di Santa Maria a Cortenuova a Empoli.

Montespertoli
Gioiello medievale nella tipica campagna toscana
Il territorio dell'odierno Comune di Montespertoli ebbe in passato, sicuramente già in epoca etrusca, un ruolo di rilievo per il suo assetto viario che permetteva a Firenze di svolgere i suoi commerci in direzione di Volterra e Siena tramite la Via Volterrana che attraversava praticamente da nord a sud il territorio di Montespertoli e si collegava con la Via Francigena all'altezza di Certaldo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace