Giuliano Vangi
account_circlePersonaggi storici

Giuliano Vangi, nelle sue opere l'uomo e i suoi sentimenti

Un artista completo conosciuto in tutto il mondo

Barberino di Mugello
Giuliano Vangi è nato a Barberino di Mugello nel 1931 e fin da ragazzo rivela, con disegni pregni di sapienza tecnica e formale, ciò che sarà il suo futuro d'artista. Durante gli anni trascorsi in Brasile, dal 1959 al 1962, si dedica alla ricerca astratta, lavorando cristallo e metalli quali il ferro e l'acciaio, con risultati eccellenti che lo pongono all'attenzione generale: ottiene infatti il suo I° premio al Salone di Curitiba, espone al Museu de Sao Paulo e inoltre partecipa ad una mostra itinerante negli Stati Uniti.

Rientrato in Italia recupera la figurazione, ricorrendo a quelle doti plastiche dalla straordinaria forza espressiva con accenti drammatici e di grande verità esistenziale; esprime cioè lo spirito del tempo, l'aria greve della guerra fredda, i nuovi fermenti della contestazione sessantottina. Il suo lavoro conquista, dopo l'Italia (con la grande mostra fiorentina di Palazzo Strozzi nel 1967), anche l'Europa, con mostre a Stoccarda, Monaco, Francoforte, Amburgo, Londra, oltre a New York, con la mostra nel 1981 alla Sindin Gallery e al Giappone, con una personale alla Gallery Universe di Tokyo.

Tutta l'opera di Vangi ha come fulcro l'uomo: con le sue sofferenze i dolori, i dubbi, le certezze le speranze; poiché per Vangi l'arte è essenzialmente affermazione dell'esistenza. Concepisce le sue sculture in diversi materiali, realizzandole, secondo la specifica esigenza, in legno, in marmo, in pietre varie con incastri sorprendenti, in avorio e nei metalli più disparati. Gli sono stati assegnati numerosi premi, fra cui il Feltrinelli, il premio Presidente della Repubblica, il Michelangelo, il Praemium Imperiale a Tokyo.

Nel 1995 ha partecipato alla Biennale di Venezia con una sala personale. Negli ultimi anni gli sono state commissionate opera da enti pubblici statali e religiosi: nel 1996 la "Lupa" per la piazza Postierla di Siena, il "San Giovanni Battisti" per il Lungarno di Firenze, nel 1997 presbiterio, altare, ambone, cattedra vescovile e grande Crocifisso per il Duomo di Padova; nel 1998 la gigantesca scultura "Donna con albero" per la nova sede della Banca d'Italia a Fiumicino; nel 1999 la scultura "Varcare la soglia" per il nuovo ingresso dei Musei Vaticani; nel 2001 l'ambone per la Chiesa di San Giovanni Rotondo dedicata a Padre Pio progettata da Renzo Piano; nel 2001 l'ambone e l'altare per il Duomo di Pisa; nel 2002 la scultura "Giobbe" per la cappella progettata da Mario Botta in Versilia.

Tra le numerose mostre personali di Vangi, le più recenti e di notevole interesse sono: nel 1995 grande mostra antologica a Firenze, al Forte di Belvedere, nel 2000 agli Uffizi Studi per un crocifisso e Opere scelte 1988-2000; nel 2001 a San Pietroburgo al Museo dell'Ermitage , e al Museo di Hakone.
 
(Fonte Comune Barberino del Mugello)
Barberino di Mugello
Nel cuore del Mugello un borgo medievale di notevole importanza storica
Situato sulla sinistra del torrente Stura, il nucleo più antico di Barberino di Mugello è venuto sviluppandosi nel medioevo ai piedi del colle su cui sorge l’antico castello dei Cattani di Combiate. ...
Approfondiscikeyboard_backspace