Giotto
account_circlePersonaggi storici

Giotto, il grande pittore che influenzò l'arte italiana

Alla scoperta del celebre pittore che dipinse gli affreschi nella Basilica di Assisi

Vicchio

Giotto di Bondone, conosciuto come Giotto, nacque nel 1267 a Vespigliano, una frazione del Comune di Vicchio e morì nel 1337 a Firenze. Proveniente da una famiglia di contadini,  guidato da una passione molto forte per la pittura, iniziò a frequerntare la bottega di un pittore, Cenni di Pepi, detto Cimabue.

 

Insieme a Cimabue, Giotto visitò Roma e Assisi, luogo in cui successivamente lavorò a lungo. Risalgono infatti alla fine del XIII secolo "Le Storie di Isacco", affrescate nella chiesa del capoluogo umbro. Nella basilica Giotto dipinse anche le "Storie dell'Antico e del Nuovo Testamento", presenti nello strato superiore della navata e il ciclo pittorico delle "Storie di San Francesco" risalenti alla fine del 1200 inizio 1300. Ma il periodo di maggior splendore per questo illustre pittore italiano fu dopo l'inizio del XIV secolo quando Giotto tornò per la seconda volta a Roma dopo la permanenza ad Assisi.

 

Risalgono al periodo romano le numerose pitture, probabilmente commissionate dalla Chiesa in occasione del Giubileo del 1300, voluto da Papa Bonifacio VII. Giotto era ormai conosciuto da tutti e in tutta l'Italia, tant'è che già all'età di trent'anni aveva già una propria bottega e gli venivano commissionate molte opere importanti dai personaggi più illustri del tempo. Dopo la breve permanenza a Firenze si recò a Rimini dove dipinse la "Croce" situata nel monumento che oggi è chimato il "Tempio Malatestiano". In seguito si recò a Padova, tornò a Roma e a Firenze, dove affrescò molti monumenti come la Chiesa di Santa Croce, la Cappella Peruzzi e la Cappella Bardi. 

 

L'opera e la tecnica di Giotto fu molto importante per tutta l'arte italiana. I suoi soggetti sacri sono sempre  caratterizzati da una grande espressività e da una profonda umanità che spicca in tutte le sue storie. Le sue scene, rappresentate quasi tutte in ambienti naturali, sono connotate da plasticità ottenuta con forti variazioni cromatiche. Il suo stile, ripreso da altri pittori ha influenzato tutta la tradizione pitorica italiana.

 

Vicchio
Itinerari nella storia dell'arte
Anche se i primi insediamenti nelle zona di Vicchio si possono far risalire a tempi molto antichi, le prime importanti vicende storiche del paese hanno inizio alla fine del XIII secolo quando, cioè, la Repubblica Fiorentina attua il piano politico di creazione di “ terre nuove” col fine di acquisire il controllo totale sul Mugello. ...
Approfondiscikeyboard_backspace