Giorgio Kienerk, pittore postmacchiaiolo
account_circlePersonaggi storici

Giorgio Kienerk, pittore postmacchiaiolo cresciuto nella campagna di Fauglia

Il piacere di dipingere grazie all'attaccamento della sua terra

piazza trento e trieste 8

Giorgio Kienerk nasce a Firenze nel 1869, da famiglia franco - svizzera, ma passa gran parte della sua vita nel paese di Fauglia, dove poi muore nel 1948.  Inizia a studiare disegno e scultura avendo come maestro Adriano Cecioni, dimostra subito grande abilità così da esporre alla Promotrice di Firenze. Nel 1886 il suo mentore muore e Giorgio si avvicina alla figura di Telemaco Signorini che lo fa avvicinare alla pittura. Dal 1890 al 1895 si avvicina al divisionismo, svolge l'attività di grafico e nei primi anni del '900 partecipa alle Biennali di Venezia. Nel 1905 si trasferisce a Pavia come direttore della Scuola Civica di pittura ma questa lontananza da Firenze lo segna in modo negativo così da non dipingere e non esporre per diversi anni. Ritorna nella sua terra dopo il 1913 trasferendosi nella casa della moglie a Poggio alla Farnia, nel comune di Fauglia, e ritrova nuovamente la voglia di dipingere. Nella cittadina si può visitare il Museo Giorgio Kienerk, costituito per garantire la fruizione al pubblico della raccolta delle opere dell'artista.