Collezione dell'Arciconfraternita della Misericordia di San Miniato
Mostre

Collezione dell'Arciconfraternita della Misericordia di San Miniato

Le opere sono entrate a far parte del patrimonio della Confraternita attraverso varie acquisizioni nel corso dei secoli

San Miniato

La raccolta è ospitata nel palazzo Roffia, sede della Misericordia, un palazzo costruito nella seconda metà del Cinquecento da un architetto della cerchia di Baccio d'Agnolo, che presenta una facciata di stile tardo rinascimentale.

Documenta la storia della istituzione, volta al soccorso degli infermi, attraverso le varie opere d'arte, i paramenti sacri e gli oggetti legati all'attività dei confratelli.

Si segnala in particolare il grande gruppo ligneo duegentesco della Deposizione, proveniente dal Monastero della S.S. Trinità. Altre opere di rilievo sono il dipinto dell'Incoronazione della Vergine, riferito al Maestro della Natività Johnson, eseguito tra il 1476 e il 1480 e proveniente dall'Oratorio di Santa Maria del Fortino; la tela raffigurante i Santi Giorgio, Giovanni Evangelista, Cecilia e Giuseppe, firmato da Vincenzo Dandini (1609-1675).


Contatti:
Palazzo Roffia - via Augusto Conti 40-42
SAN MINIATO (PISA)
Telefono: 0571 418041
E-mail: cultura@comune.san-miniato.pi.it

San Miniato
La città famosa per il suo delizioso tartufo bianco è ricca di chiese e palazzi storici da visitare
San Miniato è un delizioso borgo arroccato su un colle lungo l’Arno, a metà strada tra Firenze e Pisa. Le origini della città, famosa per il suo prelibato tartufo bianco, risalgono all'epoca etrusco-romana. Il castello venne fatto costruire nel 962 dall'imperatore Ottone I°, vi soggiornò anche Federico Barbarossa e papa Gregorio V. ...
Approfondiscikeyboard_backspace