Chiesa di San Bartolomeo
Luoghi di culto

Chiesa di San Bartolomeo

All'interno opere di pregevole interesse

Prato

L'originaria chiesa carmelitana trecentesca fu abbattuta durante i bombardamenti del febbraio 1944, insieme al campanile realizzato dal Valentini. Ricostruita e ultimata nel 1958 su progetto di Ivo Lambertini, la chiesa conserva sculture e dipinti dei secoli XIV-XVII recuperati dalla precedente struttura.

L'edificio è preceduto da un vestibolo porticato su tre lati, con cortile centrale; la parete di ingresso, forata da tre arcate a pieno centro, ha sul fianco il campanile a torre. Il lato sinistro del cortile, chiuso da vetrate, funge da battistero con grosso fonte a tazza in pietraserena e soprastante statua in bronzo del Battista. La facciata, ripete nella parte inferiore il motivo delle tre arcate.

L'interno della chiesa, con pareti intonacate rivestite alla base da marmi chiari, presenta una struttura a tre navate. Lungo la navata destra si nota una Presentazione al Tempio di Santi di Tito (fine XVI secolo). Sulla parete di fondo, sopra l'altare che custodisce una reliquia del braccio di S. Lucia, spicca il dipinto realizzato nel 1621 dall'Empoli che raffigura La Trinità, gli evangelisti e i Ss. Lucia e Carlo Borromeo. Al centro del presbiterio un moderno altare dà risalto al ciborio in marmo bianco con Angeli in preghiera, attribuito ad Antonio Rossellino (1427-79).

Nella cripta è custodito un Crocifisso ligneo policromo del XIV secolo, assai venerato dai pratesi in seguito ad eventi miracolosi avvenuti nel 1558. Nella navata sinistra si ammira una  tela di Livio Mehus mentre sopra la porta di ingresso è affissa una tela quasi certamente opera giovanile di Pier Dandini (1669 ca.).
 

Prato
Dal Medioevo all'avanguardia in una città da scoprire
Una città che non mancherà di stupire gli amanti delle destinazioni meno inflazionate è Prato. In molti infatti, anche a causa di come il luogo viene spesso presentato sulla stampa, si stupiranno, visitandolo, di scoprire un centro storico elegante e ben conservato, all’altezza dei nuclei medievali di tante delle più note città toscane. ...
Approfondiscikeyboard_backspace