Luoghi di culto

Chiesa del Monastero di Fontebuono a Camaldoli

Nella pace del bosco casentinese con i capolavori di Giorgio Vasari

Chiesa del Monastero di Fontebuona a Camaldoli

Il Monastero di Camaldoli si trova nel comune di Poppi a tre chilometri dall’Eremo di Camaldoli. Il luogo era conosciuto anche col nome Fontebuona per la qualità delle sue acque, celebrate dalla fontana che Ambrogio Traversari fece costruire di fronte all’ingresso della struttura. Il complesso architettonico è formato dall’antico Ospizio o Foresteria, dalla chiesa e dal monastero, eretto a partire dal 1046, quando nei pressi della tempio i monaci costruirono un piccolo ospedale. Invece i lavori per la realizzazione del sobrio edificio monasterile che vediamo oggi iniziarono nel XVI secolo e si conclusero nel 1611.

L’edificio è raccolto intorno al chiostro centrale che presenta sui lati esposti al sole (sud e ovest) una serie di archi a tutto sesto poggianti su colonne con capitelli ionici. Sui lati verso nord ed est (i più freddi), si trovano al contrario solo alcune finestre. Il piano superiore del chiostro è caratterizzato da dei corridoi con volta a botte e nel più lungo c’è una decorazione costituita da una serie di velette con fregi di vario genere. Lungo i corridoi si aprono le celle dei monaci.

Tra le opere d’arte del monastero spiccano sette tavole realizzate da Giorgio Vasari per il precedente edificio cinquecentesco. La pala maggiore raffigura la Deposizione dalla Croce ed è situata sull’altare. Sotto le grate a balcone da cui si affaccia il coro monastico ci sono altre sue due piccole tavole, raffiguranti San Donato e San Ilariano. Altre due pale vasariane sono poste nelle cappelle vicino al presbiterio. Una rappresenta la Natività di Cristo, l’altra la Vergine in Trono tra San Giovanni Battista e San Girolamo, nel paesaggio sullo sfondo di quest’opera sono raffigurati il monastero e l’eremo di Camaldoli come apparivano nel Cinquecento.

Nella navata sono presenti anche quattro tele raffiguranti la Vita di San Romualdo, tutte realizzate da Santi Pacini, autore anche dell’affresco sulla volta con la Gloria di San Romualdo

Per maggiori informazioni: camaldoli.it

 

Poppi
Dal Castello dei Conti Guidi al bellissimo Eremo di Camaldoli
La storia del bel borgo di Poppi è legata alla famiglia dei Conti Guidi e al loro Castello, al punto che scoprire Poppi significa ripercorrere le vicende che nel corso del medioevo hanno dato vita al loro imponente maniero. Il disegno del Castello, costruito nel XIII secolo, è attribuito dal Vasari a Lapo, maestro di Arnolfo di Cambio. ...
Approfondiscikeyboard_backspace