Santi Giovanni e Reparata
Luoghi di culto

Chiesa dei Santi Giovanni e Reparata

Lucca: basilica a tre navate con transetto, coperta con soffitto ligneo, è nominata per la prima volta nel testamento del vescovo Valprando nell'anno 754

Via San Giovanni

La chiesa dei Santi Giovanni e Reparata fu anticamente la cattedrale di Lucca. L'edificio romanico venne costruito a più riprese, nel corso della seconda metà del XII secolo, su un'area densamente abitata fin dall'antichità.
Le tre navate sono divise da colonne con capitelli compositi, molti dei quali sono reimpieghi di età romana.
Il campanile, costruito in gran parte in muratura di laterizio e pietre, sorge all'incrocio tra il transetto e le navate.
Se la fine del Trecento vide l'innalzamento del battistero con cupola ogivale, la trasformazione più significativa dell'edificio risale al XVI secolo: vennero infatti sostituite le aperture laterali medievali con fonti d'illuminazione moderne, fu rialzata la facciata e si costruì un soffitto a cassettoni.
Di epoca tardo-seicentesca è invece la cappella barocca dedicata a Sant'Ignazio, posta sul fianco settentrionale dell'edificio.
Tra il 1840 e il 1870 la chiesa divenne mausoleo delle glorie locali, ospitando tombe di personaggi illustri e lapidi commemorative.
(Articolo a cura della Provincia di Lucca).

Lucca
città monumentale protetta da grandiosi bastioni, custodi di tesori unici
In molti in Toscana considerano Lucca quasi un corpo estraneo, “non è Toscana” può capitare di sentir dire da qualche fiorentino che forse si riferisce al pane (che a Lucca è salato), alla lingua (con un lessico sicuramente singolare) o al fatto (che per altro contribuisce a spiegare gli altri due) che Lucca è l’unica fra le città-stato della regione da aver conservato la propria indipendenza ...
Approfondiscikeyboard_backspace