Paolo Uccello, Battaglia di San Romano
crop_originalOpere d'arte

Battaglia di San Romano, Paolo Uccello, Uffizi

La Battaglia di san Romano è un trittico del 1456 di Paolo Uccello

Firenze

Si tratta, per l'esattezza, di tre pale distinte, celebrative della battaglia combattuta l' 1 giugno 1432 tra i Fiorentini - che risulteranno alla fine vittoriosi, sotto la guida di Niccolò da Tolentino - e i Senesi , guidati da Bernardino da Cotignola. I tre pannelli, destinati inizialmente ad una sala del palazzo Medici di via Larga, a firenze , sono conservati separatamente in tre fra i più importanti musei d' Europa : si trovano infatti alla National Gallery di Londra("Niccolò da Tolentino alla testa dei fiorentini"), agli Uffizi("Disarcionamento di Bernardino della Ciarda") e al Louvre di Parigi("Intervento decisivo a fianco dei fiorentini del condottiero Micheletto Attendolo da Cotignola"), quest'ultimo forse realizzato in un momento successivo e firmato dall'artista. In questo trittico - come in altre opere dello stesso artista - si presentano mescolati elementi rinascimentali a retaggi medioevali , come - ad esempio - il trattamento scultoreo dei volumi e gli scorci delle figure con i diversi schemi prospettici; ad essi si aggiungono altri elementi di tradizione gotica, come i colori brillanti e la raffinatezza decorativa nei particolari delle figure e nei paesaggi, la prospettiva è data dalle lance colorate dei combattenti. Infine, le figure degli uomini e degli animali sono geometriche e precise, ma irreali come i colori usati: i cavalli sono rosa, bianchi ed azzurri, con pose talvolta apparentemente assurde ed improbabili. Va aggiunto che negli stessi anni Uccello dipinse la tavola con la Madonna col Bambino ora alla National Gallery of Ireland di Dublino e la tavola frammentaria già appartenente alla collezione Contini Bonacossi

Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace