fb track
Area naturale protetta Poggio Ripaghera - S. Brigida. V.Inferno
natureElementi naturalistici

Area naturale protetta di Santa Brigida, Poggio Ripaghera e Valle dell’Inferno

Sulle colline fiorentine un paradiso naturale incredibile

Map for 43.851073,11.397511
Pontassieve
Dolci colline e boschi secolari, uno spicchio d’Italia tra i più suggestivi, da raccomandare non solo per la bellezza della natura, ma anche per il grande valore storico-culturale. Il modo migliore per scoprire le bellezze naturalistiche del territorio di Pontassieve è farlo passeggiando a piedi, in sella a una mountain bike, o a cavallo lungo i tanti sentieri che si diramano nell’ampio territorio collinare e montano. La presenza dell'uomo viene da lontano, quanto meno dal periodo degli etruschi e dei romani, per gli appassionati di archeologia medievale importanti i siti di Montefiesole e Monte di Croce.

Due sono però i punti di forza del territorio: l’Area Naturale Protetta di Interesse Locale di Santa Brigida, Poggio Ripaghera e Valle dell’Inferno che presenta diverse specie vegetali e arboree e una ricchezza considerevole di fauna selvatica. Altra importante attrattiva territoriale è il Parco Fluviale che corre lungo le rive del fiume Arno.

L’ANPIL di S.Brigida, istituita dal Comune di Pontassieve nel 1997, si estende per poco più di 800 ettari: si colloca nella parte sud-occidentale del complesso montuoso del Monte Giovi, gruppo di media montagna, che raggiunge un’altezza massima di 992 m s.l.m., forma una catena preappenninica con andamento est-ovest e costituisce la porzione centro-orientale dello spartiacque tra il Mugello (a nord) ed il Valdarno (a sud). L’area protetta è posta immediatamente alle spalle dell’abitato di Santa Brigida, ai limiti settentrionali del nostro Comune, a pochi chilometri da Firenze, e interessa i versanti meridionali ed occidentali del Poggio Ripaghera e Poggio Abetina, includendo, ad oriente, la fresca ed ombrosa Valle dell’Inferno.
Pontassieve
Lungo l'Anello del Rinascimento, tra ponti iconici e parchi naturali
Il borgo di Pontassieve, posto dove il fiume Sieve si immette nell’Arno (e che deve il nome al famoso ponte mediceo costruito in questo punto nel XVI secolo), è nato per la precisa scelta di Firenze di fondare nel XIV secolo in questo punto un castello. ...
Approfondiscikeyboard_backspace