Area boschiva di Ragnaia
natureElementi naturalistici

Area boschiva di Ragnaia

Nel Parco urbano di Villa Montalvo un'oasi dalla ricca fauna e vegetazione

Campi Bisenzio

Fuori dall'abitato di Campi Bisenzio si trova il Parco Urbano di Villa Montalvo, una vasta area di verde pubblico che si estende per 19 ettari, nelle vicinanze della villa da cui prende il nome.

L'idea della nascita di questo grande parco risale al 1989, oggi è utilizzato dall'amministrazione comunale e dalle vaie associazioni delterritorio per organizzare le manifestazioni cittadine. E' un luogo di pace e di relax anche per i cittadini che qui vengono a svolgere attività sportive o semplicemente a riposarsi.

All'interno uno spazio molto importante è l'area boschiva della Ragnaia, un'oasi di 1,6 ettari posta lungo l'argine della Marina. La nascita di questa estensione si deve a don Ferdinando Montalvo, proprietario della villa e appassionato cacciatore, che nel 1760 decise di realizzare un luogo per catturare gli uccelli attraverso reti stese fra gli alberi. Il nome appunto si riferisce a queste reti che riocordavano le ragnatele costruite dai ragni. La vegetazione, composta da lecci, olmi, pioppi neri, e da un sottobosco di lauro, consente la presenza di molte specie di uccelli. La selva durante il Settecento e l'Ottocento oltre ad essere nota per la caccia era frequentato dai nobili firorentini che cercavano refrigerio.

La villa di Montalvo è una residenza signorile, che attualmente ospita la biblioteca comunale e l'archivio storico del comune.

 

Campi Bisenzio
Citata da Dante nel canto XXXII dell'Inferno
Campi è indissolubilmente legata al suo fiume, il Bisenzio, che attraversa tutto il territorio e sulle cui rive ancor oggi è possibile "leggere" la storia. E' vicino al fiume che intorno all'anno Mille nacque e si sviluppò, protetto dalla Rocca, il primo nucleo urbano intorno alla Pieve di Santo Stefano ed è lungo il fiume che si formarono, all'ombra di un campanile, i tanti "popoli" ...
Approfondiscikeyboard_backspace