Miniera del Siele
natureElementi naturalistici

Amiata, la Miniera del Siele

Area archeomineraria della riserva del Pigelleto

Piancastagnaio
L’attività estrattiva sul Monte Amiata ha una storia antica: gli etruschi utilizzavano il cinabro, minerale da cui si ricava il mercurio, per dipingere terrecotte e affreschi tombali, scavando in profondità anche fino a 40 m. I maggiori giacimenti sono localizzati a Santa Fiora, Castell’Azzara, Abbadia San Salvatore e Piancastagnaio.
 
In epoca moderna lo sfruttamento industriale della miniera del Siele iniziò verso la metà dell’800. Il Siele era una struttura complessa costituita sia da miniere (gallerie e pozzi) sia da stabilimenti per la lavorazione del minerale. Nei primi del ’900, attorno al giacimento nacque un vero e proprio villaggio, con abitazioni, scuole e chiesa. Dopo un periodo di forte espansione, anche a seguito delle commesse dell’industria bellica, l’attività mineraria fu interrotta nel 1973: si trattava della terza miniera più grande del mondo, dopo Almadén (in Spagna) e Abbadia San Salvatore.
Oggi l’impianto è stato bonificato e parzialmente recuperato, quale testimonianza storico-culturale del territorio amiatino.

La miniera del Siele si trova all’interno della Riserva Naturale del Pigelleto, il “pigello” è il nome con cui gli amiatini chiamano l’abete bianco, un albero maestoso che può raggiungere 50 m di altezza. Il percorso trekking attraversa la Riserva fino ad arrivare al villaggio minerario, dove è possibile visitare lo stabilimento per la lavorazione del cinabro e le abitazioni dei minatori.

Si consiglia la visita alla Villa la Sforzesca a Castell’Azzara, al Parco Museo delle acque di Santa Fiora  e al Museo delle Miniere di mercurio del Monte Amiata.

Apertura: Tutto l’anno.

Itinerario di visita:
È previsto un facile itinerario di 6h (o 4h con rientro in pullman).

Accesso ai disabili: No
Piancastagnaio
Una fontana posta al di fuori delle mura a forma di piatto, narra di una storia sulle streghe
Da Abbadia San Salvatore, una strada a saliscendi porta a Piancastagnaio, altro antico borgo arroccato su un ripiano che domina la valle del Paglia e la Cassia e difeso da poderose mura medievali a tratti ottimamente conservate, oltre che da rupi naturali di trachite. ...
Approfondiscikeyboard_backspace