Riserva naturale regionale Ponte a Buriano e Penna
???.icon?????????

Riserva naturale regionale Ponte a Buriano e Penna

Un paesaggio di dolci colline e di itinerari suggestivi

Civitella in Val di Chiana
La Riserva si sviluppa per circa 7 km di lunghezza lungo il corso dell'Arno, dal ponte romanico di Ponte Buriano fino alla centrale elettrica situata a valle della diga ENEL della Penna e comprende l'invaso artificiale della diga e le zone terrestri limitrofe. Il paesaggio è caratterizzato principalmente dalle dolci colline circostanti all'invaso, costituite da sedimenti fluvio-lacustri di età diversa, con presenza saltuaria di balze e pareti verticali. Dalla cartiera di Ponte a Buriano fino a Rondine, l'Arno scorre incassato fra le rocce, mentre da Rondine alla Penna il fiume si allarga a costituire l'invaso della Penna. Il paesaggio vegetale è costituito da boschi di roverella, localizzati soprattutto nei versanti direttamente esposti verso l'invaso, da una esigua fascia arborea ripariale, da arbusteti, colture agrarie (situate soprattutto lungo la sponda sinistra dell'Arno) e da una vasta area palustre nella porzione orientale della Riserva.

I Sentieri della Riserva
Dal Centro Visita di Ponte a Buriano sono raggiungibili i sentieri A (2 km; 20 min.) e B (400 m; 10 min.) predisposti nella parte orientale della Riserva, che permettono di raggiungere il canneto. Il sentiero C (800 m; 15 min.), che parte nei pressi di Pieve a Maiano, porta ai capanni di avvistamento sul “lago di Penna”. L’accesso ai capanni è consentito solo con visite guidate.

Lungo la riva destra del fiume è in fase di completamento il tracciato della Grande Escursione dell’Arno (GERDA), un sentiero che, partendo da Ponte Buriano, tocca gli antichi nuclei fortificati di Rondine e Penna e prosegue verso valle fino alla Riserva Naturale di Valle dell’Inferno e Bandella, terminando in località Acqua Borra. Il percorso è veramente suggestivo, tagliato per lunghi tratti sui ripidi versanti creati dall’incisione del fiume e degli affluenti; si cammina sempre immersi nel bosco fitto, in vista del corso d’acqua, e si attraversano i diversi affluenti che spesso, prima di gettarsi in Arno, formano piccole cascate. Il tratto della GERDA che interessa la Riserva è lungo 9,4 km ed è percorribile in circa 4 ore.

Accesso persone diversamente abili:
si
Accoglienza qualificata: no
Disponibilità altro personale: si
Presenza mezzi di trasporto: no
Sentieri specifici: no
Altri sentieri accessibili: si
Caratteristiche altitudine: pianeggiante
Accessibilità centro visita: si
Civitella in Val di Chiana
Una delle testimonianze meglio conservate di fortilizi longobardi
Civitella in Val di Chiana esisteva già in età etrusco-romana, come testimoniano i ritrovamenti archeologici con iscrizione etrusche presso Viciomaggio e nella chiesa di San Pietro a Ciggiano. Più tardi gli insediamenti etrusco-romani, diventeranno forti longobardi, come Gaenne la rocca di Civitella, con le caratteristiche di sorgere su colli notevolmente rialzati e capaci di controllare le ...
Approfondiscikeyboard_backspace