Fortezza di San Piero a Sieve
location_cityArchitetture

La Fortezza di San Martino a San Piero a Sieve

Una delle più estese fortificazioni italiane di tutti i tempi

San Piero a Sieve

La fortezza, costruita su un colle dell'abitato di San Piero a Sieve, fu fortemente voluta da Cosimo I dé Medici. Numerosi furono gli interventi di edificazione dato che le dimension i della rocca erano molto vaste. L'opera infatti fu terminata sotto il regno di Ferdinando I all'inizio del XVII secolo.

 

Il fortino è stato eretto al fine di difendere e salvaguardare i possedimenti della famiglia e dello stato Fiorentino oltre che per soddisfare le richieste delle popolazioni locali, stanche dei saccheggi perpetuate ai loro danni da eserciti e bande provenienti dal nord.

 

La struttura presenta una pianta irregolare anche se molto vicina alla forma di rettangolo rinforzata da ben nove bastioni e due porte: la Fiorentina a sud e la Bolognese a nord.
 

All'interno dell'imponente cinta, posizionato vicino alla prima porta, sul fronte dove si supponeva  che i rischi di attacco fossero minori si erge, il mastio, un forte di dimensioni più piccole anch'esso con forma irregolare a cinque lati, e dotato di mura bastionate. Nell'area rimanente si trovavano mulini a vento, caserme, depositi per armi e munizioni, cisterne, officine per la riparazione e costruzione di cannoni ed altre armi da fuoco e una cappella.

Attualmente la fortezza non è visitabile.




 

San Piero a Sieve
Antichi conventi e palazzi medicei da ammirare
Dopo aver lasciato i pendii settentrionali di Monte Morello, proveniendo da Firenze lungo la Bolognese, dopo pochi chilometri si giunge a San Piero a Sieve. È qui che si percepisce l’immagine più suggestiva e più significativa del Mugello, chiusa a settentrione dal verde manto di faggete, abeti bianchi e pino silvestre dell’Appennino tosco-emiliano, a sud dalle propaggini che fanno da ...
Approfondiscikeyboard_backspace