foresta di Sant'Antonio
location_cityArchitetture

A passeggio nella natura della Foresta di Sant'Antonio

Un complesso ricco di fauna e vegetazione

Vallombrosa

Il complesso forestale di S. Antonio è compreso nell'ampio anfiteatro sovrastante l'abitato di Reggello. E' delimitato a Nord dal crinale di Poggio Massa Nera, (1075 m) che con direzione Nord Est si ricongiunge al crinale principale. La foresta segue nel suo limite altitudinale il crinale principale dal Poggio della Risala (1485 m) al Varco di Reggello (1354 m), chiudendo con il crinale secondario di Poggio Castelluccio (1379 m) al confine con il comune di Castelfranco di Sopra, dove confina con il complesso forestale demaniale del Pratomagno-Valdarno. Una porzione separata della Foresta si trova nel versante sottostante al Rifugio di Secchieta.
 

La morfologia è generalmente movimentata da solchi vallivi notevolmente incisi, caratterizzati talora da versanti rupestri. Il torrente principale è il Resco al quale affluiscono i borri di S. Antonio, della Rota, della Stufa. L'altimetria prevalente si aggira intorno ai 950 - 1000 m, con minimi intorno ai 600 m e con massimi di 1490 m. Nella foresta vive o soggiorna periodicamente una ricca fauna, mentre è presente un numero elevato di emergenze floristiche e vegetazionali.
 

L'area è attraversata da 18 km di sentieri segnalati dal Club Alpino Italiano. Negli ultimi anni sono state realizzate da parte della Comunità Montana alcune aree di sosta attrezzate provviste di tavoli e panche in legno trattato. Inoltre sono state poste delle opere volanti (panche) in altre aree del complesso di principale accesso da parte dei visitatori. Sono presenti anche alcuni rifugi: fra questi l'immobile di maggior importanza è certamente quello di Case S. Antonio in corso di recupero. Di recente è stato anche recuperato a rifugio il fabbricato di Prato di Dietro. Tra i rifugi ristrutturati è da segnalare quello di Massa Nera. La Comunità Montana prevede di recuperare a rifugio/bivacco altri fabbricati a supporto dell'attività turistico-escursionistica e come punto d'appoggio per le maestranze che operano sul territorio. Per una migliore fruizione del complesso sono state predisposte nei principali punti di accesso delle bacheche esplicative con indicate le principali caratteristiche ambientali e naturalistiche dell'area, la dislocazione delle emergenze e altre informazioni.


cm-montagnafiorentina.fi.it
 

Accesso persone diversamente abili: solo in parte
Accoglienza qualificata:
Disponibilità altro personale: si
Presenza mezzidi trasporto: si, su prenotazione
Sentieri specifici: si
Altri sentieri accessibili:
Caratteristiche altitudine:
montano - 1400
Accessibilità centro visita: si