Photo ©Jillybme
natureElementi naturalistici

Oasi WWF Orti Bottagone

L'area umida protetta a Piombino dove volano i fenicotteri

Piombino

Questa splendida Riserva naturale è una delle rare zone umide italiane ed è l’ultima testimonianza del comprensorio palustre che un tempo dominava la Val di Cornia. La Riserva si estende per circa 100 ettari in una zona pianeggiante costiera, con due paludi: Bottagone, di acqua dolce, a canneto, dove crescono il giglio d’acqua, il giunco e l’orchidea palustre ed Orti, salmastra a salirconieto. Insieme le due paludi costituiscono una vera Oasi di biodiversità, che garantisce habitat adeguati per molte specie animali e vegetali, in particolare per molte specie di uccelli, alcuni nidificanti ed altri presenti solo in certi periodi dell’anno.

Le specie censite nei diversi periodo dell’anno sono 230 tra cui si possono osservare il germano reale, fenicottero, airone cenerino, airone bianco maggiore, falco pellegrino, airone rosso, falco di palude, gheppio, cavaliere d'Italia, cuculo dal ciuffo, e numerose specie di passo che sostano nell’Oasi in primavera ed in autunno.

Fenicottero dell'Oasi Bottagone - Credit: Mirella


Due sono i Sentieri Natura che permettono la visita dell’Oasi; con una visita giornaliera è possibile percorrerli entrambi. Sono sentieri pianeggianti e non presentano difficoltà particolari.

Il Sentiero Natura degli Orti (area acqua salmastra) è particolarmente vocato all'osservazione degli uccelli e percorrendolo si possono osservare i fenicotteri, le eleganti garzette, numerosi aironi, molte specie di anatre, le coppie e i piccoli di cavaliere d’Italia, i cormorani e diverse specie di rapaci.
La flora è composta da bassi e fitti tappeti di salicornia e alimione, da alghe, organismi vegetali indispensabili per l’equilibrio ecologico dell’habitat e fonte primaria di cibo per moltissime specie animali. Nelle basse e ricche acque vivono diverse specie di pesci.
Lungo il sentiero, in particolare sui ponticelli di legno, è facile individuare le tracce del passaggio dei mammiferi presenti: aculei di istrice, tracce di predazione, resti di cibo, borre di rapaci notturni, impronte.

Presso il Sentiero Natura del Bottagone (area ad acqua dolce) è possibile avvistare il canneto - il più esteso della Provincia di Livorno - e gli stagni, altrimenti quasi invisibili e un camminamento su palafitta che termina ad un doppio osservatorio fotografico. Durante la passeggiata è possibile seguire le evoluzioni degli uccelli in volo; garzette, rondini, falchi di palude, anatre di varie specie... ma anche incontrare una fauna meno vistosa ma altrettanto importante per l'equilibrio ecologico dell'area: tra gli anfibi raganella, rana verde, rospo comune, rospo smeraldino. tritone crestato, tritone punteggiato. I rettili come testuggine palustre, testuggine terrestre, biacco, cervone, natrice dal collare.

Anche la vegetazione presenta motivi di interesse: sono presenti tutte le specie vegetali tipiche delle zone dulcacquicole e dei prati allagati.

Info: wwf.it

Piombino
Dall'archeologia al diving, tra spiagge e oasi naturali tante le idee per una vacanza unica
Protesa nel mare su un suggestivo promontorio di fronte alle isole dell’Arcipelago Toscano, ricca di storia e di ambienti naturali salvaguardati e protetti, Piombino è una delle principali località della Costa degli Etruschi. Di antichissima fondazione – il primo nucleo è addirittura di epoca preistorica – Piombino conserva significative testimonianze archeologiche. ...
Approfondiscikeyboard_backspace