Museo di Storia Naturale dell'Accademia dei Fisiocritici Onlus, Siena
account_balanceMusei

Museo di Storia Naturale dell'Accademia dei Fisiocritici Onlus, Siena

La pinacoteca si articola su tre sezioni: geologica, zoologica e anatomica

Siena

Il museo è ospitato nell'ex monastero dei Camaldolesi risalente al XII secolo. L'edificio fu donato all'Accademia nel 1816 dal Granduca Ferdinando III d'Asburgo Lorena ed è stato oggetto di molteplici interventi di ristrutturazione e restauro.

L'esposizione è parte integrante dell'Accademia dei Fisiocritici che fu fondata nel 1691 con lo scopo di promuovere e divulgare gli studi naturalistici e conserva caratteristiche di ostensione ottocentesche e il valore degli esemplari esposti è insito, in particolare, nei requisiti storico-scientifici e nella rappresentatività regionale.

Alcune collezioni della Sezione Geologica sono state recentemente oggetto di importanti interventi di riordino e catalogazione. La Sezione Zoologica, nata con la finalità di raccogliere e studiare la fauna del territorio, si è allargata a comprendere specie di faune esotiche. Nel giugno 2008 è stata inaugurata la totale ristrutturazione della Sala Paolo Mascagni contenente preparati originali, tavole anatomiche a grandezza naturale, biblioteca e documenti personali dell'illustre anatomico vissuto tra il 1755 ed il 1815.


Orario:

Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì: 9.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00.
Giovedì: 9.00 – 13.00. Chiuso: sabato, domenica e festivi.


Prezzo:
gratuito


Accesso handicap:
Si, totalmente Accessibile

Contatti:
Piazzetta Silvio Gigli 2 (già Sant'Agostino)
SIENA (SIENA)
Telefono: 0577 47002
E-mail: fisiocritici@unisi.it

Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace