Cripta di Santa Reparata
Luoghi di culto

Cripta di Santa Reparata, Firenze

La vecchia cattedrale della città luogo dove ora sorge Santa Maria del Fiore

Firenze
L'antica cattedrale di Santa Reparata fu probabilmente costruita nel VI secolo durante il regno di Teodorico. L'edificio costituiva la testimonianza più evidente della prima cristianità a Firenze. L'origine della costruzione è da ricondurre probabilmente ad un  voto, fatto per ringraziare la vittoria cristiana sul Re dei Goti nel 405 circa.

La stuttura si componeva da tre navate con colonnati che delimitavano quella centrale e un recinto di transenne che separava l'abside e l'area di culto dalla zona pubblica della chiesa, con un'estensione nel corridoio centrale per la distribuzione della comunione.

Fu poi modificata in epoca romanica con l'inserimento di due cappelle nella zona absidale, un nuovo pavimento e la cripta. Rimase in uso anche durante la costruzione della nuova cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Con accesso dall'interno del Duomo, sulla navata destra, sono visitabili gli scavi archeologici che hanno rimesso alla luce l'antica cattedrale di Santa Reparata, distrutta in seguito alla costruzione della nuova Cattedrale di Santa Maria del Fiore.

La cripta conserva oltre ai resti delle strutture delle varie ricostruzioni della chiesa anche reperti di età romana, altomedievale e medievale, lastre tombali e frammenti della decorazione pittorica. Degni di nota il pavimento a mosaico paleocristiano e la tomba di Filippo Brunelleschi.


Orario:
Tutti i giorni feriali, ore 10-17. Chiuso la domenica.

Prezzo:
3,00 €

Accesso handicap:
Non accessibile a persone in sedia a ruote per presenza di scala.

Contatti:
Cattedrale di Santa Maria del Fiore
FIRENZE (FIRENZE)
E-mail: opera@operaduomo.firenze.it
http://www.operaduomo.firenze.it/luoghi/museo.asp
Firenze
Una città sorprendente, in cui perdersi tra arte, storia, moda e tradizione
Chiunque intenda visitare la Toscana non potrà che passare da Firenze: la città del giglio è uno scrigno di tesori artistici e centro di una fervida vitalità. Oltre all’eccezionale patrimonio d'arte, testimonianza della sua secolare civiltà, è possibile godersi Firenze passeggiando al tramonto lungo gli incantevoli lungarni, addentrandosi tra i vicoli bohémien dell’Oltrarno o perdendosi nelle ...
Approfondiscikeyboard_backspace