Museo Antonio Manzi a Campi Bisenzio
account_balanceMusei

Museo Antonio Manzi a Campi Bisenzio

Collezione di opere dell'artista avelliense

Campi Bisenzio
Villa Rucellai (chiamata anche Villa il Pratello), si trova nel centro storico di Campi Bisenzio. Si tratta di un antico palazzo medioevale fortificato del XIII secolo di cui una parte è ancora individuabile nella torre, che inglobata nella parte quattrocentesca del complesso, costituisce uno dei pochi esempi rimasti delle torri che caratterizzavano i fortilizi privati sparsi nel territorio campigiano. Il Museo Antonio Manzi è allestito nei saloni a piano terreno dell'ala settecentesca della villa. La villa è circondata da un bellissimo parco, anch'esso recuperato e aperto al pubblico.

Il Museo nasce grazie alla donazione fatta da Antonio Manzi al Comune di Campi Bisenzio di una parte cospicua delle sue opere. Antonio Manzi nasce a Montella (Avellino) nel 1953 e si trasferisce in Toscana nel 1957. Nel 1975 il ventiduenne Antonio Manzi espone a Campi Bisenzio alla Galleria d'Arte Ariete. Il suo legame con il territorio si rafforza nel tempo e, oramai conosciuto e apprezzato a livello internazionale, lavora in realizzazioni importanti per la città come la scultura in bronzo per il cimitero della Misericordia o l'affresco dell'Annunciazione nella chiesa di Santa Maria fino alla statua Inno alla Vita, collocata proprio nel giardino antistante Villa Rucellai.

Le opere che l'artista ha donato al Comune di Campi Bisenzio e che hanno dato vita al museo sono 109 esposte in cinque sale.
Il percorso museale si svolge secondo un criterio cronologico e chiarificatore dell'iter artistico di Manzi attraverso i lavori che mostrano le sue capacità di avvalersi di tante materie e tecniche diverse.


Orario:
Da gennaio 2008 aperto: mercoledì e domenica ore 10-12 e 16-19.

Prezzo:
gratuito

Contatti:
Villa Rucellai - P.zza della Repubblica
CAMPI BISENZIO (FIRENZE)
Telefono: 055 89591
E-mail: info@museoantoniomanzi.it
http://www.museoantoniomanzi.it/
Campi Bisenzio
Alla scoperta di una delle cucine tipiche più rustiche di tutta la Toscana
Campi è da sempre legata al suo fiume, il Bisenzio, che ne attraversa il territorio e sulle cui rive ancor oggi è possibile ripercorrere la storia di questi luoghi. È vicino al fiume infatti che intorno all’anno Mille nacque e si sviluppò, protetto dalla Rocca, il primo nucleo urbano intorno alla Pieve di Santo Stefano, ed è sempre lungo il fiume che si formarono, all’ombra di un campanile, i ...
Approfondiscikeyboard_backspace