Museo Diocesano di Massa
account_balanceMusei

Museo Diocesano di Massa

Raccolta di dipinti, sculture, oggetti sacri al fine di salvaguardare il patrimonio artistico territoriale

Massa
Il museo è allestito nelle sale al piano nobile dell'ex Palazzo Vescovile. La costruzione del palazzo è riconducibile all'ultimo quarto del XVI secolo. Inizialmente ospitava i figli cadetti della famiglia ducale Cybo Malaspina. Fu ristrutturato sostanzialmente nella seconda metà del Seicento. Nel 1738 diventò sede dei funzionari ducali e nel 1822 dei vescovi della neonata diocesi di Massa. In tale occasione fu ristrutturato ad opera dell'architetto Giovanni Marchelli. È stato sede vescovile fino al 1970.

L'obiettivo principale del museo è quello di salvaguardare e valorizzare, attraverso iniziative di varia natura, il patrimonio artistico diffuso nelle chiese del territorio diocesano. Alcune opere sono conservate nella pinacoteca permanentemente per ragioni di sicurezza e salvaguardia, altre invece vengono esposte a rotazione all'interno di allestimenti tematici che permettono di approfondire argomenti specifici e far conoscere aspetti della cultura atistica poco noti al pubblico. Tali mostre sono l'occasione per condurre mirate campagne di studio e di restauro dei materiali.

Degne di nota sono una pala d'altare di Bernardino del Castelletto, realizzata per il convento di Santa Elisabetta e destinata all'altare della cappella vescovile, i preziosi oggetti liturgici del tesoro della cattedrale legati alla committenza cybea.

Tra le opere provenienti da chiese del territorio si segnalano il Santo Monaco di Jacopo della Quercia degli Uliveti e le sculture di Felice Palma.

Contatti:
via Alberica 26
MASSA (MASSA CARRARA)
Tel.: 0585499241; 05858990223 (ufficio diocesi)
E-mail: bbccms@tin.it
www.museodiocesanomassa.it
Massa
Una città ricca di storia e cultura
Forse meno conosciuta di quanto meriterebbe, Massa è un’antica città in cui ancora si respira l’atmosfera medievale. Situata in una conca naturale incastonata tra le Alpi Apuane la città, le cui origini risalgono all’882, è uno scrigno in cui perdersi tra gioielli di arte e di architettura. ...
Approfondiscikeyboard_backspace