La rocca Ariotesca di Castelnuovo Garfagnana
location_cityArchitetture

La Rocca Ariostesca di Castelnuovo Garfagnana

La rocca estense sovrasta la piazza principale del paese

Castelnuovo di Garfagnana
All'interno della cinta muraria del borgo di Castelnuovo, la rocca estense ne ingloba la porzione sul fronte occidentale, sovrastando la piazza principale con la sua compatta mole trapezoidale, alleggerita dalla presenza di due piccole corti interne. Irregolare in pianta, il compatto volume dell'edificio è caratterizzato da una marcata scarpatura dei fianchi, alleggerito alla sommità da un loggiato aggettante su mensole di pietra.

Due massicci torrioni cilindrici serrano il blocco murario in prossimità della piazza, mentre la torricella rettangolare, antistante all'ingresso, chiude il perimetro da cui si eleva, in posizione centrale, l'imponente mole quadrangolare della torre dell'orologio civico.
Dotata di bassa scarpa e originariamente accessibile soltanto da un varco sopraelevato, la quattrocentesca torre rettangolare mantiene la memoria del primitivo impianto nelle feritoie del primo e secondo piano.

Fatta costriure nel XI secolo, deve il suo appellativo al fatto di aver ospitato il poeta Ludovico Ariosto dal 1552 al 1525, perchè in quel periodo aveva l'incarico di governatore della provincia estense di Garfagnana.
Sede municipale fino alla seconda guerra mondiale, nel 1944, la rocca di Castelnuovo ha subito pesanti bombardamenti che ne hanno gravemente minato l'integrità originaria. Successivi interventi di restauro hanno causato la trasformazione di ampie porzioni dell'organismo edilizio, alterandone ulteriormente le caratteristiche originarie. Attualmente la rocca ospita gli uffici comunali, l'archivio storico e un museo di reperti archeologici provenienti dalla valle superiore del Serchio.

Il museo archeologico del territorio della Garfagnana documenta la storia dell'antico popolamento della Garfagnana dall'età del bronzo agli insediamenti liguri ed etruschi, con particolare riguardo ai liguri apuani. I più antichi documenti della presenza ligure in Garfagnana sono degli inizi del XIII secolo a. C., ma intorno al 250 tutta la valle del Serchio è di nuovo fittamente occupata dai Liguri fino alle montagne che dominano la pianura del Serchio e dagli Etruschi fino a Ponte a Moriano. Fra i due ambienti culturali si stabiliscono relazioni commerciali tali da giustificare la fortuna di insediamenti etruschi che sembrano prosperare proprio in funzione dei contatti con il popolo della montagna.
Castelnuovo di Garfagnana
Il cuore della Garfagnana ricco di bellezze naturali e storiche
Castelnuovo, centro principale e cuore della Garfagnana, è posto alla confluenza del fiume Serchio con la Turrite Secca , tipico torrente del versante apuano caratterizzato da spiccati fenomeni di carsismo. E' il centro amministrativo e commerciale della Valle, sede della Comunità Montana, che riunisce sedici comuni, e di molti altri uffici pubblici. ...
Approfondiscikeyboard_backspace