account_balanceMusei

Il Santa Maria della Scala a Siena

L'antico ospedale per i pellegrini sulla Via Francigena

Santa Maria della Scala

Da antico ospedale per i pellegrini a imponente museo che raccoglie tutto il passato di Siena.
Stiamo parlando del Santa Maria della Scala,
che si trova proprio davanti allo splendido Duomo ed è una tappa imperdibile per chi visita la città del Palio, perché conserva straordinariamente integre le testimonianze di mille anni di storia, con un percorso che parte dall’età etrusca e romana attraversa il Medioevo e arriva fino al Rinascimento.

La Sala del Pellegrinaio
La Sala del Pellegrinaio - Credit: Ilaria Giannini
La distribuzione del pane ai poveri dipinta nella Sala del Pellegrinaio
La distribuzione del pane ai poveri dipinta nella Sala del Pellegrinaio - Credit: Ilaria Giannini

Il grande complesso museale si sviluppa attraverso vari livelli: al piano terra si possono ammirare le vestigia dell’epoca d’oro del Santa Maria della Scala, quando era il più antico e grande ospedale sulla Via Francigena che dava ospitalità e cure ai pellegrini in viaggio fino a Roma e sosteneva i poveri e i bambini abbandonati.

Qui si può ammirare la straordinaria Sala del Pellegrinaio, con gli affreschi del Quattrocento a cui ha lavorato anche Domenico di Bartolo che raffigurano le missioni dell’ospedale e la vita quotidiana dell’epoca, come la distribuzione dell’elemosina oppure l’accoglienza e il matrimonio di un’orfana cresciuta nell’ospedale.


Senza dimenticare la Sagrestia Vecchia con i dipinti di Lorenzo Vecchietta, la Cappella del Manto con la lunetta di Domenico Beccafumi, la Cappella della Madonna e la chiesa della Santissima Annunziata.

Le statue di Jacopo della Quercia per Fonte Gaia
Le statue di Jacopo della Quercia per Fonte Gaia - Credit: Ilaria Giannini

Scendendo al piano inferiore si arriva alla Corticella, vero e proprio snodo dei percorsi del Santa Maria, sulla quale si affaccia il Fienile medievale, dove sono conservate le statue originali scolpite da Jacopo della Quercia per Fonte Gaia, la fontana di Piazza del Campo.

Qui si trovano anche il granaio medievale, le sedi di due confraternite (la Compagnia dei disciplinati sotto le volte dell'ospedale e la Compagnia di Santa Caterina della Notte) e i magazzini della Corticella, dove è esposto il Tesoro di Santa Maria della Scala, un gruppo di reliquie proveniente dalla cappella imperiale di Costantinopoli.

Dalla Corticella si scende quindi ai cunicoli, verri e proprio labirinti molto suggestivi scavati nell'arenaria e costruiti a mattoni, dove si trovano il Museo Archeologico Nazionale e la sezione "Siena. racconto della città dalle origini al Medioevo".


Per informazioni: www.santamariadellascala.com

 

Cover image credit: Ilaria Giannini

people
Le voci della rete
Siena
La città dove ogni pietra è rimasta immutata nei secoli
Siena si vede sin da lontano risplendere perfetta nel suo equilibrio medievale. I tre colli su cui siede si stagliano in un panorama campestre idilliaco, nel quale i confini dell’antico centro sfumano come un tempo in una campagna che a tratti sembra ancora quella ritratta nell’Allegoria del Buon Governo dipinta da Ambrogio Lorenzetti nelle stanze del Palazzo Pubblico. ...
Approfondiscikeyboard_backspace