fb track
La Villa romana di San Vincenzino a Cecina
Siti storici

Parco archeologico della Villa romana di San Vincenzino

In un suggestivo parco sorge un edificio romano sul modello della villa urbana

Map for 43.309492,10.509008
Via C. Ginori, 33
In località San Vincenzino, dentro un suggestivo parco, sorge un edificio romano costruito sul modello della villa urbana, con ambienti aperti su giardini ed aree porticate.
 

La costruzione della villa ebbe inizio nella seconda metà del I sec. a.C.; essa era dotata di un complesso sistema idrico costituito da una serie di cunicoli che filtravano l'acqua e la raccoglievano in una imponente cisterna sotterranea (oggi visitabile). Nel II-III sec. d. C. vennero costruiti un complesso termale ed un triclinio (sala da pranzo) estivo abbellito da un ninfeo. Nel III-IV secolo, parte delle ricche strutture abitative fu occupata da impianti per la produzione dell'olio. Nel corso del V secolo la villa fu progressivamente abbandonata. Nel VII e inizi VIII secolo l'area della villa fu occupata da una vasta necropoli con sepolture povere in fosse, alcune delle quali rivestite con lastroni in pietra.


Gli scavi effettuati sul sito archeologico, conosciuto fin dal Settecento, hanno permesso di ritrovare i resti di una grandiosa villa romana di età imperiale e di ricostruire le caratteristiche del complesso che ebbe un lungo periodo di vita e la cui storia appare articolata in diverse fasi di costruzione e successive modifiche d'uso.

Particolarmente suggestiva la visita alla grande cisterna sotterranea, interamente praticabile, mentre nell'edificio ottocentesco, all'interno del parco, è stata allestita la mostra "Privata Luxuria" che propone una raccolta di reperti provenienti dallo scavo della villa che illustrano gli aspetti estetici e di ricerca del lusso di questa ricca abitazione romana.

Accesso handicap:
Non accessibile a disabili

Cecina
Archeologia, relax e natura per una vacanza indimenticabile
Cecina è un centro di origini antichissime, alcuni ritrovamenti fanno risalire i primi insediamenti in questa zona addirittura al Neolitico. Il territorio – abitato anche in epoca etrusca – deve il nome al console Albino Cecina, di origine etrusca, ordinò la costruzione di una villa i cui resti sono ancor oggi visitabili a San Vincenzino. ...
Approfondiscikeyboard_backspace