fb track
Monte Falterona
Photo ©Shutterstock / Francesco de Marco
natureElementi naturalistici

Il Monte Falterona

Nel Parco Naturale delle Foreste Casentinesi si innalza il monte che era sacro per gli etruschi

Map for 43.877323,11.704216
San Godenzo

Il Monte Falterona, con i suoi 1654 metri di altitudine, è la seconda cima più elevata dell’Appennino Tosco-Romagnolo, dopo il vicino Monte Falco. Il rilievo è parte dell’incantato Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campiglia.

Maestosa e selvaggia, questa vetta è ammantata da tempi antichissimi da una forte spiritualità. Gli Etruschi, quasi con certezza, le hanno dato il nome e ne ha fatto un tempio, una sorta di Olimpo nostrano che trova la sua energia nelle bellezze della natura. Il primo toponimo – Fal Truna – significa proprio “Trono degli Dei”.

Lago degli Idoli, Monte Falterona
Lago degli Idoli, Monte Falterona - Credit: Matteo Tani

Il Monte Falterona, però, ha anche un’altra peculiarità che lo rende un simbolo toscano d’eccezione: è da qui che, da uno dei suoi fianchi, sgorga il primitivo fiume Arno, che, raccogliendo tutte le suggestioni di queste zone e il bagaglio dei suoi numerosi affluenti, cresce per dirigersi nelle celebri Firenze e Pisa. A segnare in maniera chiara la localizzazione della sorgente oggi è presente una lapide con una citazione del sommo poeta Dante Alighieri.

Un altro elemento naturalistico di rilievo, collegato anche all’antico popolo etrusco e all’epoca romana, è il Lago degli Idoli, uno specchio d’acqua che deve il suo nome a statuette votive ritrovate, nel corso degli anni, proprio nei suoi fondali.

Per approfondire la storia della montagna e dei suoi abitanti, niente di meglio che farsi guidare dal Centro Visite di Castagno d’Andrea, con esposizioni su viaggiatori celebri e testimonianze sulla vita di coltivatori di castagno, da sempre attività principe della zona.

Info: parcoforestecasentinesi.it

San Godenzo
Sentieri nella natura e percorsi tra le tradizioni
Nell’arrivare a San Godenzo si percepisce già molti chilometri prima l’abbraccio delle montagne e dei boschi fitti, con quei colori che in autunno scaldano il cuore. Questa zona permette di sentirsi immersi in un ambiente incontaminato, di percepire una perfetta armonia tra ambiente e lavoro dell’uomo. ...
Approfondiscikeyboard_backspace