Museo civico di Montaione
account_balanceMusei

Museo civico di Montaione

L'allestimento della sezione archeologica del Museo Civico di Montaione ha reso possibile un'appropriata sistemazione dei reperti già in possesso del Comune di Montaione ed ha permesso di portare alla conoscenza del pubblico beni conservati in collezioni

Via Cresci, 17

Da molti anni, grazie all'interessamento congiunto del Comune di Montaione, della Soprintendenza Archeologica e di un gruppo di volontari, sono venuti alla luce reperti archeologici di notevole interesse; i più significativi sono stati collocati nel museo, insieme ad una serie di pannelli esplicativi che documentano i relativi scavi e forniscono utili informazioni sulla civiltà, l'arte e l'economia del territorio nei diversi periodi storici.

I reperti esposti in questa sezione ricoprono un arco cronologico molto ampio, compreso tra il paleolitico inferiore e il basso medioevo, anche se la maggior parte dei reperti si collocano tra il VII e il I secolo a.C.
Il nucleo centrale della sezione paleontologica è costituito da un fossile di scheletro di balena.
Il reperto più antico, che attesta che le colline di Montaione furono abitate fin dai tempi più antichi, è la Stele Etrusca del VI secolo a.C. riproducente un guerriero con elmo, lancia e scudo su una pietra tombale sulla quale è scritta l'età del defunto.
L'apertura del museo costituisce il primo passo nel percorso nella storia di un territorio molto particolare, ricco di testimonianze della più svariata natura, che restituisce reperti paleontologici e preistorici, ma conserva anche molti mulini e fornaci da mattoni in uso ancora 50 anni fa. Sono giunti ai giorni nostri resti di necropoli, insediamenti e strutture produttive d'epoca etrusca e romana ed il medioevo in parte è ancora vissuto nei borghi e castelli.
Ricche di interesse e meritevoli di approfonditi studi sono le tracce lasciate dalle attività manifatturiere del vetro e della ceramica, che dal medioevo in poi hanno rivestito una notevole importanza nell'economia del territorio in quanto legate alla presenza di materie prime e di risorse boschive.
Quindi un territorio di indubbio interesse e pertanto da tutelare sotto i suoi aspetti archeologici, architettonici e naturalistici. Proprio per questo il museo si pone come promotore, oltre che di attività didattiche e divulgative, anche di indagini e ricerche, da organizzare in collaborazione con le Soprintendenze della Toscana, le Università, le associazioni del territorio (Società Storica della Valdelsa, Associazione Archeologica della Valdelsa Fiorentina) e le scuole.
In questo modo si produrranno nuovi dati e materiali che non solo arricchiranno il museo, ma creeranno nuove opportunità di fruizione culturale del territorio per cittadini e turisti, per esempio attraverso la creazione di itinerari didattici tematici.

Accesso handicap:
Si

Contatti:

via Cresci 17/19
MONTAIONE (FIRENZE)
Telefono: 0571-699255; 0571-699265 - 267 (ufficio cultura comune)
E-mail: cultura@comune.montaione.fi.it
http://www.comune.montaione.fi.it/

Montaione
Un antico borgo perfetto per gli amanti del turismo green, nelle sue campagne si cela la "gerusalemme di toscana"
Il borgo di Montaione prese nome da Allone di Lucca, e già in epoca medievale era citato come Mons Allonis. Sin dal 1200 Montaione era nota per l’arte della lavorazione del vetro, da qui diffusa in tutta la Valdelsa. Nel 1257 la cittadina fu coinvolta nelle guerre fra San Gimignano, Volterra e San Miniato, ma gravitò prevalentemente nell’orbita di Firenze. ...
Approfondiscikeyboard_backspace