Monteferrato
natureElementi naturalistici

L'area naturale protetta del Monteferrato

Un territorio ricco di natura e di cultura

Montemurlo

L’Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato si riferisce ad un ambito geografico inserito nel sistema collinare-montano che delimita a nord la pianura Firenze-Prato-Pistoia. Istituita nel 1998 dai Comuni di Montemurlo, Prato e Vaiano, è gestita in maniera unitaria mediante una convenzione che vede coinvolti anche la Provincia di Prato e la Comunità Montana Val di Bisenzio. I diversi paesaggi del Monteferrato sono stati sottoposti a tutela in quanto adatto per un territorio non “incontaminato” ma risultato di un processo di trasformazione della natura ad opera dell’uomo.

I numerosi censimenti e le indagini floristiche svolte nel corso degli anni sul territorio dell’area protetta, hanno messo in luce la notevole ricchezza di flora presente, che conta oltre 900 specie (fra piante superiori, felci e crittogame), circa 1/6 dell’intera flora italiana.

Il patrimonio faunistico del Monteferrato è di notevole pregio, in quanto comprende specie di uccelli e mammiferi ormai rari o scomparsi in altri territori. Date le particolarità ambientali favorevoli, in molte zone dell’area protetta si riscontrano nidificazioni e stanziamenti invernali anomali rispetto ai territori circostanti. Tra i mammiferi sono presenti molte specie di ungulati, fra i quali il cervo, il capriolo, il daino , ed il cinghiale ; fra gli insettivori sono degni di nota il toporagno e una particolare specie di pipistrello, l’orecchione, molto rarefatto nei territori limitrofi. Sono inoltre presenti varie specie di piccoli predatori come la faina e la donnola.

La morfologia dell''Area è caratterizzata da tre gruppi di rilievi: a nord il Monte Javello, che raggiunge i 931 metri e le Cavallaie di 977 metri, ad ovest il Poggio di Becco di metri 504 e ad est il Monte delle Coste di metri 518, che formano un anfiteatro naturale al centro del quale, spostato verso sud, si erge la struttura del Monteferrato, elemento che caratterizza sia fisicamente che simbolicamente tutta l'area.

E' possibile accedere all'area protetta dai tre centri visita di: Schignano in via Cintelli, 7 - Vaiano Villa Fiorelli in via di Galceti, 64 - Prato Il Borghetto via Bagnolo di Sopra - Prato.

Montemurlo
In viaggio colline della Valle del Bisenzio
Montemurlo è una moderna cittadina che negli ultimi 30 anni, ha subito un notevole sviluppo industriale e demografico con conseguenti modifiche per l'economia, il territorio e la cultura. Il territorio comunale si estende per 30, 66 kmq ed ha una popolazione di 18.373 abitanti (2008). Fanno parte del comune le località di Bagnolo e Oste. ...
Approfondiscikeyboard_backspace