Miniera del Siele
natureNaturalistic attractions

Amiata, la Miniera del Siele

Area archeomineraria della riserva del Pigelleto

Piancastagnaio
L’attività estrattiva sul Monte Amiata ha una storia antica: gli etruschi utilizzavano il cinabro, minerale da cui si ricava il mercurio, per dipingere terrecotte e affreschi tombali, scavando in profondità anche fino a 40 m. I maggiori giacimenti sono localizzati a Santa Fiora, Castell’Azzara, Abbadia San Salvatore e Piancastagnaio.
 
In epoca moderna lo sfruttamento industriale della miniera del Siele iniziò verso la metà dell’800. Il Siele era una struttura complessa costituita sia da miniere (gallerie e pozzi) sia da stabilimenti per la lavorazione del minerale. Nei primi del ’900, attorno al giacimento nacque un vero e proprio villaggio, con abitazioni, scuole e chiesa. Dopo un periodo di forte espansione, anche a seguito delle commesse dell’industria bellica, l’attività mineraria fu interrotta nel 1973: si trattava della terza miniera più grande del mondo, dopo Almadén (in Spagna) e Abbadia San Salvatore.
Oggi l’impianto è stato bonificato e parzialmente recuperato, quale testimonianza storico-culturale del territorio amiatino.

La miniera del Siele si trova all’interno della Riserva Naturale del Pigelleto, il “pigello” è il nome con cui gli amiatini chiamano l’abete bianco, un albero maestoso che può raggiungere 50 m di altezza. Il percorso trekking attraversa la Riserva fino ad arrivare al villaggio minerario, dove è possibile visitare lo stabilimento per la lavorazione del cinabro e le abitazioni dei minatori.

Si consiglia la visita alla Villa la Sforzesca a Castell’Azzara, al Parco Museo delle acque di Santa Fiora  e al Museo delle Miniere di mercurio del Monte Amiata.

Apertura: Tutto l’anno.

Itinerario di visita:
È previsto un facile itinerario di 6h (o 4h con rientro in pullman).

Accesso ai disabili: No
Piancastagnaio
A town that rises on the south-eastern slopes of Mount Amiata
The local economy is mainly based on the production of cereals, vegetables, fruit, vines, olives and on tourism, as the beauty of the area has caused the creation of many qualified hotel structures. ...
Morekeyboard_backspace